Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

CONTRIBUTI AD UNIVERSITÀ STRANIERE PER LA PROMOZIONE ALL’ESTERO DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA

Data:

05/03/2020


CONTRIBUTI AD UNIVERSITÀ STRANIERE PER LA PROMOZIONE ALL’ESTERO DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA

È ora possibile presentare le richieste di contributi finalizzati alla creazione e al funzionamento di cattedre di italiano presso Università straniere e destinati alla copertura totale o parziale della retribuzione di insegnanti assunti direttamente dalle Università con contratto a legge locale. Con il termine “cattedre di italiano” si intendono cattedre e/o corsi di insegnamento in ambito universitario nei quali la lingua italiana figuri tra le lingue insegnate secondo l’ordinamento dell’istituzione interessata, anche se la cattedra o il corso ha una diversa denominazione.

Non saranno prese in considerazione richieste di università dove siano già in servizio lettori di ruolo MAECI inviati dall’Italia.

Si raccomanda di indirizzare le richieste verso progetti innovativi e volti ad avere un impatto su larga scala in termini di aumento del numero di studenti di italiano attraverso, ad esempio, corsi e produzione di materiale didattico online.

Per ulteriori informazioni sui criteri e parametri di assegnazione delle risorse finanziarie disponibili, la modulistica e le istruzioni per la richiesta di contributo e tempistica, si prega di entrare in contatto con:

- l’Ufficio scolastico di questa Ambasciata, competente per le circoscrizioni di Brasilia, Belo Horizonte, Rio de Janeiro e Recife:

E-mail: patrizia.magnasco@esteri.it; Tel.: 0055 61 34429914; brasilia.scolastico@esteri.it

- l’Ufficio scolastico del Consolato Generale d’Italia a San Paolo, competente per le circoscrizioni di San Paolo, Porto Alegre e Curitiba:

E-mail: monica.faggionato@esteri.it; dirdidattica.sanpaolo@esteri.it

SCADENZA:

I moduli di richiesta scansionati a bassa risoluzione dovranno essere inviati alla propria Rappresentanza diplomatica competente per territorio entro e non oltre il 10 aprile, che a sua volta provvederà a farli pervenire al MAECI entro il 20 aprile 2020.


1233