Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

INCONTRO VIRTUALE DEL VICE MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE DEL BRASILE, MARCELO SAMPAIO, CON LE SOCIETÀ ITALIANE – 17 GIUGNO 2020

Data:

17/06/2020


INCONTRO VIRTUALE DEL VICE MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE DEL BRASILE, MARCELO SAMPAIO, CON LE SOCIETÀ ITALIANE – 17 GIUGNO 2020

Si è tenuto oggi un incontro virtuale del Vice Ministro delle Infrastrutture del Brasile, Marcelo Sampaio, con 26 primarie società italiane, organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Brasilia, sul programma delle concessioni infrastrutturali nel settore dei trasporti.

È intervenuto per il Governo italiano il Sottosegretario agli esteri Manlio, On. Di Stefano. Presenti anche ANCE, Banca d’Italia, Cassa Depositi e Prestiti, Confindustria, ENIT, ICE, OICE, SACE-SIMEST, le sei Camere di commercio italo-brasiliane e la Rete consolare italiana nel Paese.

L’evento è stato aperto dall’Ambasciatore d’Italia, Francesco Azzarello, che ha sottolineato il grande interesse con cui le società italiane guardano al Brasile, ove diverse fra loro già svolgono un ruolo di primo piano in settori strategici. Le imprese italiane, ha aggiunto l’Ambasciatore, sono pronte a contribuire alla ripresa ed allo sviluppo economico del Paese, in uno spirito di sincero partenariato.

Il Sottosegretario Di Stefano ha sottolineato che “il Brasile è un partner strategico per l’Italia”. I due Governi hanno interesse a sostenere congiuntamente le società italiane, italo-brasiliane e locali, che beneficerebbero tutte degli importanti grandi lavori nel settore infrastrutturale. “L’Italia rimane in Brasile, anche in momenti così difficili, con le 972 filiali di nostre imprese”. “Dobbiamo guardare insieme al medio-lungo periodo”, ha concluso il Sottosegretario Di Stefano.

Il Vice Ministro Sampaio ha illustrato ai partecipanti il programma di concessioni infrastrutturali del Governo federale nel settore autostradale, ferroviario, portuale e aeroportuale, ponendo l’accento su sostenibilità e progetti verdi e incentivi fiscali per gli investitori stranieri. Nel ricordare che il Brasile è la porta di ingresso dell’America Latina (il porto di Santo e l’aeroporto di Guarulhos sono i più grandi della regione), egli ha sottolineato che il Paese ha bisogno di investimenti strategici, anche per favorire le esportazioni di materie prime: “Gli investimenti di una Nazione amica come l’Italia sono i benvenuti”. “Il Brasile e l’Italia usciranno più forti di prima da questa pandemia, e il settore delle infrastrutture giocherà un ruolo importante nella ripresa”, ha concluso il Vice Ministro.

È seguita una sessione di domande e risposte, con richieste di approfondimenti.

Nonostante la pandemia in corso, il Ministero delle Infrastrutture brasiliano sta proseguendo il programma di sviluppo della rete infrastrutturale di trasporto del Paese. Sono previsti nei prossimi anni 50 miliardi di dollari di investimenti in partenariato con il settore privato.


1299