Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione culturale

 

Cooperazione culturale

Il settore culturale costituisce uno dei pilastri della cooperazione italo - brasiliana. Da sempre Italia e Brasile evidenziano l’importanza della cultura come strumento di promozione e consolidamento delle reciproche relazioni.

La domanda di lingua e cultura italiana in Brasile è in continuo aumento, anche in quelle aree che non sono state tradizionalmente interessate da fenomeni di emigrazione dal nostro Paese. Ciò a conferma del fatto che vi è un interesse per la lingua e cultura italiana tout court, non necessariamente legato alla discendenza italiana. Oggi assistiamo a un costante aumento del numero di fruitori non italiani né discendenti.

Alcuni dati aiutano a capire la portata del fenomeno sopra descritto. Secondo il documento “L’italiano nel mondo che cambia – 2019”, il dato complessivo è di 40.455 studenti di italiano in Brasile (di cui il 60%, precisamente 25.276, sostenuti dal MAECI attraverso i contributi erogati per lettorati, Enti Gestori e corsi). Il Brasile è all’undicesimo posto su 119 Paesi per numero di studenti di italiano. È sempre maggiore il numero di studenti brasiliani coinvolti nell'apprendimento linguistico, tanto che gli stessi lettori hanno confermato l'esistenza di un elevato numero di studenti in lista d'attesa che non riescono ad accedere ai corsi da loro tenuti. Grazie poi alla partecipazione italiana al programma “Scienza senza Frontiere”, l’Italia è divenuta tra le principali destinazioni scelte dagli studenti brasiliani per il loro periodo di formazione all’estero. Dal 2013 al 2015 circa 4.000 studenti brasiliani si sono recati in Italia. In Brasile si registra una numerosa e qualificata presenza di ricercatori e docenti italiani attivi nel sistema accademico brasiliano. Gli oltre 800 accordi bilaterali siglati negli ultimi anni da università ed enti di ricerca italiani e brasiliani hanno consolidato la mobilità accademica bidirezionale.

A questa esigenza di lingua e cultura italiana, dettata da motivi di studio, di lavoro o semplicemente dall’interesse personale, l’Ambasciata sta rispondendo attivamente con una programmazione sempre più articolata, di qualità e ben veicolata, dedicando rinnovate risorse ed energie sia finanziarie sia umane alla politica culturale, e sostenendo fortemente una attività di approfondimento e di lancio di nuove iniziative, che hanno al centro la diffusione della nostra lingua e cultura.

Per maggiori informazioni, visitare la sezione STUDI, LINGUA E CULTURA ITALIANA .

Per maggiori informazioni sugli eventi promossi dall’Ambasciata, visitare la sezione EVENTI.

 

 


48