Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

BORSE DI STUDIO DEL GOVERNO ITALIANO PER L’A. A. 2015-2016

È stato pubblicato il bando di concorso per le borse di studio che il Governo italiano offre per l’anno accademico 2015-2016 agli studenti brasiliani e agli studenti italiani stabilmente residenti in Brasile (IRE).

Le candidature dovranno essere realizzate online attraverso un formulario di iscrizione interattivo, in italiano o in inglese, previa registrazione sul sito web del Ministero degli Affari Esteri (http://borseonline.esteri.it/BorseOnLine/), entro e non oltre la mezzanotte (orario italiano) di mercoledì 13 maggio 2015.

Il candidato potrà richiedere borse di studio della durata di 3, 6 e 9 mesi per la frequenza a corsi di laurea magistrale (2° ciclo), master di 1º e 2° livello, dottorato di ricerca, scuole di specializzazione, progetti di studio in co-tutela, corsi di Alta Formazione Artistica e Musicale (Afam) italiani, nonché per corsi avanzati o di perfezionamento della didattica di lingua e cultura italiana. La durata della borsa per corsi di formazione e aggiornamento per professori di italiano è di 1 mese. Dalle borse in parola sono esclusi i corsi singoli, le ricerche individuali e i corsi di laurea triennale (1º ciclo).

I requisiti imprescindibili per partecipare alla selezione dei candidati alle borse di studio 2015-2016 sono la conoscenza della lingua italiana e non aver compiuto 35 anni entro il 13 maggio 2015. Nel caso dei corsi di perfezionamento della didattica di lingua italiana, i candidati non dovranno aver compiuto 45 anni entro il 13 maggio 2015.
Il bando completo è disponibile nella sezione culturale del sito web dell’Ambasciata d’Italia in Brasilia o cliccando direttamente qui. Ulteriori informazioni sono comunque disponibili sul sito web del Ministero degli Affari Esteri: www.esteri.it > Ministero > Servizi > Stranieri > Opportunità studio e lavoro per stranieri > Borse di studio offerte dal Governo Italiano a stranieri e cittadini I.R.E..