Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

AMBASCIATA D’ITALIA PER IL SOCIALE

Domani a Brasilia, nella sede del Banco do Brasil, alla presenza dell’ambasciatore d’Italia a Brasilia, Antonio Bernardini, e del Presidente del Banco do Brasil, Caffarelli, verrà firmato l’accordo con il quale la Fondazione Banco do Brasil (FBB) finanzierà, per un importo di 296.000 reais (pari a circa 80.000 euro), un progetto sociale realizzato che in Pernambuco dalla ONG italiana AVSI (Associazione Volontari Servizio Internazionale), da anni attiva con successo in Brasile. La ONG italiana sarà rappresentata dal suo presidente in Brasile, Fabrizio Pellicelli.
La presenza alla firma dell’Ambasciatore Bernardini testimonia l’importanza che l’Ambasciata annette alle attività sociali svolte nel Paese da istituzioni italiane del terzo settore e suggella il lungo lavoro di cucitura svolto dalla sede diplomatica per facilitare la conclusione dell’accordo.
Grazie al finanziamento della FBB, la popolazione del comune di Jucati, nella regione semiarida dello Stato del Pernambuco, sarà destinataria di una iniziativa di AVSI finalizzata alla riduzione della povertà mediante azioni di riutilizzo delle acque residenziali bianche per l´irrigazione agricola. In concreto, il progetto realizzerà la costruzione di 22 sistemi di “bio-acqua familiare”: si tratta di una tecnologia che ricicla le acque bianche residenziali (acqua per igiene personale, lavaggio di indumenti, stoviglie, etc.), che normalmente vengono disperse nel terreno in modo inadeguato e inquinante. L´acqua riciclata viene filtrata e raccolta in una cisterna e potrà essere utilizzata per irrigare durante tutto l´anno, anche nella stagione secca, orti per la produzione di alimenti destinati alla sussistenza della famiglia degli agricoltori. In tal modo si favorisce la produzione agricola familiare anche finalizzata alla vendita. Il progetto ha come obiettivo inoltre una importante attività di formazione per le 80 famiglie di agricoltori beneficiate e per le scuole della regione: saranno infatti attivati corsi su temi quali la qualità degli alimenti e la corretta alimentazione, valorizzandone l’uso per la dieta alimentare di prodotti tipici della regione semiarida.