Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Study in Italy: bando per l’assegnazione di borse di studio offerte dal governo italiano a studenti stranieri e italiani residenti all’estero per l’anno accademico 2023-2024

study in italy 23

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) offre borse di studio in favore di studenti stranieri e italiani residenti all’estero (IRE) per l’Anno Accademico 2023-2024, con l’obiettivo di favorire la cooperazione in campo culturale, scientifico e tecnologico, la proiezione del sistema economico dell’Italia nel mondo e la diffusione della conoscenza della lingua e cultura italiana (Rif. Legge 288/55 e successive modifiche e integrazioni).

La borsa di studio copre soltanto la frequenza di corsi sul territorio italiano.

Il bando e la lista dei Paesi beneficiari sono disponibili alla seguente pagina: https://studyinitaly.esteri.it/

I candidati possono presentare domanda unicamente attraverso il Portale “Study in Italy” al link: https://studyinitaly.esteri.it/en/call-for-procedure, seguendo le istruzioni ed eventualmente le Faq ivi disponibili in duplice versione italiana e inglese.

Le candidature online devono essere trasmesse, entro le ore 14.00 (ora italiana) del 9 giugno 2023.

Ulteriori informazioni sono comunque disponibili sul sito web del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:

https://www.esteri.it/it/opportunita/borse-di-studio/per-cittadini-stranieri/borsestudio_stranieri/

Gli interessati potranno trovare aggiornamenti sulla procedura sul sito di questa Ambasciata nella sezione “Borse di studio”.

NOTA BENE: Si raccomanda di inserire sulla piattaforma, ai fini della valutazione del titolo di studio, oltre al diploma di laurea, l‘historico escolar con evidenziata  la media Ponderata (GPA, coefficiente di rendimento o simile valutazione media) o, in assenza di tale coefficiente sull’historico escolar, di allegare una dichiarazione da parte dell’università che evidenzi la  media ponderata del rendimento del candidato durante il suo corso di laurea.