Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Ambasciata d’Italia a Brasilia celebra la Giornata Internazionale “Rifiuti Zero” delle Nazioni Unite

Il 28 marzo l’Ambasciata d’Italia a Brasilia ha celebrato la prima Giornata Internazionale “Rifiuti Zero” delle Nazioni Unite con diverse iniziative in tema ambientale, insieme ad oltre 100 bambini di scuole elementari del Distretto Federale, autorità politico-istituzionali, specialisti, aziende ed enti di settore, mezzi di informazione.

Una visita guidata alle strutture ambientali dell’Ambasciata ha aperto la giornata, seguita da uno spettacolo teatrale offerto dal Servizio di Nettezza Urbana regionale e da un concerto di musica italiana e brasiliana con temi ispirati alla natura eseguito dall’orchestra giovanile dell’Istituto Reciclando Sons. L’Ambasciatore Francesco Azzarello ha ricevuto dal Presidente dell’Instituto Lixo Zero brasiliano, Rodrigo Sabatini, l’annuale “Ricertificazione Rifiuti Zero” della Sede diplomatica e la prima “Certificazione Rifiuti Zero” dell’edificio della nuova Cancelleria consolare, di prossima apertura.

Sono intervenuti la Direttrice dell’Ufficio del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) in Brasile, Katyna Argueta, molto attiva nel settore ambientale, ed il Sottosegretario per la Gestione delle Acque e dei Rifiuti Solidi della Segreteria di stato per l’Ambiente e la Protezione degli Animali del Distretto Federale, Glauco Amorim.

“L’Ambasciata da alcuni anni si distingue per spirito pionieristico, innovazione e traguardi raggiunti nel settore ambientale – ha sottolineato l’Ambasciatore Azzarello – e siamo particolarmente felici della sensibilità dell’Assemblea Generale dell’ONU nel voler promuovere con sempre maggiore vigore le buone prassi in materia di rifiuti, ove accanto a quelli terrestri si sta diffondendo una crescente sensibilità per quelli marini. L’educazione dei bambini, sin dall’inizio del ciclo scolastico, è fondamentale in questa difficile e lunga battaglia”.

Per ulteriori approfondimenti CLICCA QUI