Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Primo censimento dei ricercatori scientifici italiani in Brasile

Brasilia, 15 aprile 2021. In occasione della giornata della Ricerca italiana nel mondo sono stati presentati i primi dati del censimento dei ricercatori in Brasile, realizzato dall’Ambasciata d’Italia con l’Associazione dei ricercatori italiani in Brasile – ARIB.

L’Ambasciatore Francesco Azzarello e il Rappresentante del Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione, Prof. Vincenzo Maria Lauriola, hanno sottolineato l’importanza della molto attiva collaborazione scientifica bilaterale e l’opportunità di consolidarla e diversificarla ulteriormente.

Il Prof. Marco Ianniruberto dell’Università di Brasilia, delegato ARIB, ha fornito i primi dati del censimento. Nella banca dati appena costituita sono già presenti 577 ricercatori nati in Italia (75% uomini e 25% donne). Per numero di ricercatori l’Italia è al secondo posto fra i partner europei del Brasile e sesta al mondo. Gli stati in cui sono maggiormente presenti sono San Paolo (39%), Rio de Janeiro (16%), Minas Gerais (6%), Bahia e Rio Grande do Sul (5%). La maggior parte di loro lavora nel campo delle scienze esatte e della terra (27%) e delle scienze umane e sociali (23%). Il 78% di loro ha il titolo di dottore di ricerca e, rispetto ai colleghi registrati nel sito Lattes, la banca dati brasiliana, rappresentano l’1,6%. Di particolare interesse il numero dei ricercatori brasiliani che hanno studiato in Italia, innanzitutto quelli che hanno conseguito il dottorato presso una istituzione accademica italiana, pari a 5.055, l’1,5% del totale dei censiti da Lattes. La ricerca sarà progressivamente affinata includendo anche i cittadini italiani nati in Brasile e successivamente gli italo-brasiliani.