Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Anagrafe

 

Anagrafe

Anagrafe consolare. Iscrizione A.I.R.E.

L’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) è stata istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470 e contiene i dati dei cittadini italiani che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi. Essa è gestita dai Comuni sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero.
L’iscrizione all’A.I.R.E. è un diritto e un dovere del cittadino (art. 6 legge 470/1988) ed è necessaria al fine di ottenere tutti i servizi, i documenti ed i certificati che sono rilasciati dall’Ufficio consolare, quali per esempio:

  • possibilità di votare per elezioni politiche e referendum per corrispondenza;
  • la possibilità di ottenere il rilascio di passaporto, nonché di certificazioni varie;

 

Devono iscriversi all’A.I.R.E.:

  • i cittadini che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori a 12 mesi;
  • quelli che già vi risiedono, sia perché nati all’estero che per successivo acquisto della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo.

 

L’iscrizione all’A.I.R.E. è effettuata a seguito di dichiarazione resa dall’interessato all’Ufficio consolare competente per territorio entro 90 giorni dal trasferimento della residenza. Nel caso di persone provenienti dall’Italia, l’iscrizione AIRE comporterà la cancellazione dall’Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) del Comune di provenienza.

 

Non devono iscriversi all’A.I.R.E.:

  • le persone che si recano all’estero per un periodo di tempo inferiore ad un anno;
  • i lavoratori stagionali;

 

Per quanti risiedono nella circoscrizione consolare di Brasilia (Distretto Federale, Goiás, Tocantins, Amazonas, Roraima, Amapá e Pará) è possibile trasmettere richiesta di iscrizione e ogni ulteriore comunicazione riguardante l’AIRE:

  • via e-mail, all’indirizzo brasilia.anagrafe@esteri.it
  • tramite posta raccomandata all’indirizzo: “AMBASCIATA D’ITALIA A BRASILIA – c.a. Settore Consolare (Anagrafe) SES – Av. das Nações, lote 30 - CEP 70420-900 Brasília/DF”;
  • di persona, recandosi presso la Cancelleria Consolare il martedì ed il giovedì, dalle ore 9:00 alle 12:30;
  • di persona, dall’interessato o da un suo delegato, recandosi presso il Consolato Onorario o il Vice Consolato Onorario competente per residenza

 

La domanda di iscrizione dovrà comporsi dei seguenti documenti:

 

  • Per i nati in Italia ed in altri paesi (escluso il Brasile):

- richiesta di iscrizione AIRE;
- passaporto o la carta d'identità italiana;
- una prova di residenza (ad esempio contratto di locazione, bollette telefoniche o elettriche a nome del richiedente);
- RNE (“Registro Nacional de Estrangeiro”) o protocollo rilasciato dalla "Polícia Federal".

 

  • Per i nati in Brasile (doppi cittadini):

- richiesta di iscrizione AIRE;
- un documento d'identità brasiliano con foto;
- Indicazione del Comune o del Consolato che ha proceduto al riconoscimento della cittadinanza (l'iscrizione potrà essere conclusa soltanto dopo la conferma da parte del Comune o del Consolato indicato dal richiedente);
- passaporto italiano, se in possesso;
- una prova di residenza (ad esempio contratto di locazione, bollette telefoniche o elettriche a nome del richiedente).

 

Nota bene: qualsiasi informazione inerente l'effettivo aggiornamento nei registri Aire dovrà essere richiesta esclusivamente al Comune di appartenenza in Italia, in quanto titolato all'effettivo aggiornamento in Aire e NON all’Ambasciata. Non verrà pertanto fornita nessuna informazione in proposito in quanto di competenza esclusiva dei Comuni e non verrà fornito riscontro alle richieste di conferma di iscrizione AIRE inviate all’Ambasciata.

 

Nel caso di trasferimento ad altra circoscrizione consolare:

I cittadini italiani residenti all'estero che si trasferiscano in un’altra circoscrizione consolare o Paese devono dichiararlo entro 90 giorni al nuovo Ufficio consolare competente, che ne informerà il Comune italiano di riferimento e l’Ufficio consolare presso cui il cittadino era iscritto in precedenza.

 

L'aggiornamento dell'A.I.R.E. dipende dal cittadino.
L'interessato deve tempestivamente comunicare all’ufficio consolare:

  • il trasferimento della propria residenza o abitazione;
  • le modifiche dello stato civile anche per l’eventuale trascrizione in Italia degli atti stranieri (matrimonio, nascita, divorzio, morte, ecc.);
  • il rientro definitivo in Italia;
  • la perdita della cittadinanza italiana.

 

Il mancato aggiornamento delle informazioni, in particolare di quelle riguardanti il cambio di indirizzo, rende impossibile il contatto della struttura consolare con il cittadino e il ricevimento della cartolina o del plico elettorale in caso di votazioni.

È importante che il connazionale comunichi il proprio indirizzo in modo corretto e completo attenendosi alle norme postali del Paese di residenza.

 

La cancellazione dall'A.I.R.E. avviene:

  • per iscrizione nell’Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) di un Comune italiano a seguito di trasferimento dall'estero o rimpatrio;
  • per morte, compresa la morte presunta giudizialmente dichiarata;
  • per irreperibilità presunta, salvo prova contraria, trascorsi cento anni dalla nascita o dopo la effettuazione di due successive rilevazioni, oppure quando risulti non più valido l’indirizzo all’estero comunicato in precedenza e non sia possibile acquisire quello nuovo;
  • per perdita della cittadinanza italiana;

 

MODULI

· Richiesta iscrizione AIRE

 

AVVERTENZA

Qualora la domanda risulti incompleta, i documenti necessari ed eventuali ulteriori richieste di informazioni verranno richiesti direttamente agli interessati di preferenza via e-mail. E’ pertanto opportuno accertarsi di avere comunicato correttamente il proprio indirizzo e-mail

 

 

F.A.Q.   A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero)

 

Vengo a vivere stabilmente in Brasile - Distretto Federale, Goiás, Tocantins, Amazonas, Roraima, Amapá e Pará - cosa devo fare?

I cittadini Italiani o che vengono a vivere stabilmente in Brasile nel Distretto
Federale, in Goiás, in Tocantins, in Amazonas, in Roraima, in Amapá e in Pará, dovranno inoltrare richiesta di iscrizione all’AIRE tramite l’Ambasciata d’Italia a Brasilia. L’iscrizione è GRATUITA.

 

L'iscrizione all’AIRE si può richiedere:

  • via e-mail, all’indirizzo brasilia.anagrafe@esteri.it
  • via posta
  • di persona, recandosi presso la Cancelleria Consolare il martedì ed il giovedì, dalle ore 9:00 alle 12:30.

 

La domanda di iscrizione dovrà comporsi dei seguenti documenti:

  • Per i nati in Italia ed in altri paesi (escluso il Brasile):

- richiesta di iscrizione AIRE;
- passaporto o la carta d'identità italiana;
- una prova di residenza (ad esempio contratto di locazione, bollette telefoniche o elettriche a nome del richiedente);
- RNE (“Registro Nacional de Estrangeiro”) o protocollo rilasciato dalla "Polícia Federal".

 

  • Per i nati in Brasile (doppi cittadini):

- richiesta di iscrizione AIRE;
- un documento d'identità brasiliano con foto;
- Indicazione del Comune o del Consolato che ha proceduto al riconoscimento della cittadinanza (l'iscrizione potrà essere conclusa soltanto dopo la conferma da parte del Comune o del Consolato indicato dal richiedente);
- passaporto italiano, se in possesso;
- una prova di residenza (ad esempio contratto di locazione, bollette telefoniche o elettriche a nome del richiedente).

 

Le prove di residenza devono essere a nome del richiedente. Quelle accettate sono:

- contratto di locazione

- bolletta relativa ad utenze domestiche (elettricità, gas, etc.) non anteriore a tre mesi;

- copia della prima pagina della dichiarazione dei redditi dell’ultimo esercizio;

- ricevuta di pagamento delle tasse universitarie con indicazione dell’indirizzo dello studente;

- lettera di avviso del pagamento della pensione.

 

IMPORTANTE:

Si fa presente che la firma apposta sulla “Richiesta di iscrizione AIRE” deve corrispondere alla firma riportata nel documento di identità presentato.

 

NOTA BENE: qualsiasi informazione inerente l'effettivo aggiornamento nei registri Aire dovrà essere richiesta esclusivamente al Comune di appartenenza in Italia, in quanto titolato all'effettivo aggiornamento in Aire e NON all’Ambasciata. Non verrà pertanto fornita nessuna informazione in proposito in quanto di competenza esclusiva dei Comuni.

 

Sono iscritto all'AIRE presso l’Ambasciata d’Italia a Brasilia e sto cambiando indirizzo nella stessa circoscrizione consolare dell’Ambasciata, cosa devo fare?

I cittadini italiani che sono iscritti all'AIRE presso l’Ambasciata a Brasilia e cambiano indirizzo all’interno della Circoscrizione Consolare di questa Ambasciata (Distretto Federale, Goiás, Tocantins, Amazonas, Roraima, Amapá e Pará), dovranno presentare una nuova richiesta di iscrizione AIRE con le modalità sopra indicate (v. risposta alla domanda “Vengo a vivere stabilmente in Brasile - Distretto Federale, Goiás, Tocantins, Amazonas, Roraima, Amapá e Pará - cosa devo fare?”).

 

Sono iscritto all'AIRE presso l’Ambasciata d’Italia a Brasilia e vado a vivere in Italia, cosa devo fare?

I cittadini iscritti all'AIRE che rientrano definitivamente in Italia dovranno dichiarare il proprio rimpatrio direttamente al Comune Italiano che dovrà comunicare ufficialmente all’Ambasciata la data di decorrenza del rimpatrio.

Ne conseguirà la cancellazione dall'anagrafe consolare dell’Ambasciata e l'iscrizione in APR (Anagrafe Popolazione Residente) del Comune Italiano.

 

E se mi trasferisco in un altro paese nel mondo, cosa devo fare?

I cittadini già iscritti all'AIRE e residenti nella circoscrizione dell’Ambasciata a Brasilia che si trasferiscono nella circoscrizione di un altro Consolato Italiano dovranno contattare il nuovo Consolato richiedendo il "cambio circoscrizione consolare".

Sarà cura del Consolato "ricevente" darne comunicazione al Comune AIRE in Italia ed all’Ambasciata a Brasilia.

 

Chi si deve iscrivere all'AIRE?

Devono iscriversi all'AIRE:

  • I cittadini che trasferiscono la propria residenza all'estero per periodi superiori a 12 mesi;
  • o I cittadini nati e residenti fuori dal territorio nazionale, la cui cittadinanza italiana è stata accertata dal competente ufficio consolare di residenza ed il cui atto di nascita è stato trascritto in Italia;
  • I cittadini nati all’estero da genitori italiani, il cui atto di nascita è stato trascritto in Italia;
  • I cittadini già iscritti all'AIRE ma che hanno cambiato circoscrizione consolare (ad es. da San Paolo a Brasilia). Essi devono ugualmente iscriversi all'Anagrafe consolare della Rappresentanza di attuale residenza, affinché essa possa informare il Comune AIRE dell'avvenuta variazione.
  • I cittadini già iscritti all'AIRE ma che hanno cambiato indirizzo pur risiedendo nella stessa circoscrizione consolare.

 

Chi non si deve iscrivere all'AIRE?

Sono esentati dall'obbligo dell’iscrizione all'AIRE:

  • le persone che si recano all'estero per un periodo di tempo inferiore all'anno;
  • i lavoratori stagionali;

 

Scadenza per iscriversi all'AIRE

Sebbene non esistano sanzioni per chi viola la norma, è obbligo del cittadino italiano iscriversi all’AIRE e tenere aggiornati i propri dati anagrafici entro 90 giorni dal proprio trasferimento all’estero o cambiamento di indirizzo.

 

Iscrizione di minorenni

L’iscrizione in Aire del minore italiano nato in Brasile, i cui genitori risiedono all’estero, viene fatta contestualmente alla trascrizione dell’atto di nascita (vedi Stato Civile).

L’iscrizione in Aire del minore italiano nato in Italia, i cui genitori risiedono all’estero, viene fatta direttamente dall’Ufficiale d’Anagrafe in Italia contestualmente alla denuncia della nascita. Il Comune provvederà ad informare l’Ufficio consolare per l’aggiornamento dell’anagrafe consolare.

L'iscrizione all'AIRE dei minori italiani o doppi cittadini è obbligatoria, sia che essi convivano con il solo genitore italiano, sia che convivano con il solo genitore straniero.

In questo ultimo caso (minori italiani o doppi cittadini conviventi con il solo genitore straniero), la richiesta di iscrizione all’AIRE può essere presentata sia dal genitore italiano non convivente sia dal genitore straniero convivente, preferibilmente a ciò delegato dall’altro. Per la documentazione da presentare e le modalità di richiesta, si prega di contattare l’Ufficio Anagrafe ai contatti indicati in fondo alla pagina.

 

Da quando risulto iscritto ufficialmente in AIRE? Decorrenza dell'iscrizione

Per quanto concerne la data di decorrenza dell’iscrizione in AIRE si precisa che la legge consente al cittadino italiano, che sta trasferendo la sua dimora all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi, di rendere la dichiarazione di espatrio al Comune di ultima residenza. In questo caso la data di decorrenza dell’iscrizione in AIRE è quella della dichiarazione resa al Comune, se la richiesta di iscrizione è confermata dall’interessato entro 90 giorni al Consolato competente.

Per il cittadino italiano che non ha provveduto a quanto sopra indicato ed ha presentato richiesta di iscrizione dopo l’espatrio al Consolato competente, la data di decorrenza dell’iscrizione in Aire sarà la data di ricezione della comunicazione consolare riguardante la richiesta di iscrizione da parte del Comune italiano di ultima residenza. (D.P.R. 6 settembre 1989, n. 323 Articolo 7).

La dichiarazione del cittadino all'ufficio consolare è indispensabile per concludere l'iter dell'iscrizione AIRE.

 

Come ottengo un certificato di residenza?

Gli Uffici consolari non sono titolari delle funzioni di ufficiale di anagrafe e non possono pertanto rilasciare certificati di residenza, compito che può essere assolto esclusivamente dai Comuni italiani sia per quanto riguarda l'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) che per quanto riguarda l'APR (Anagrafe della Popolazione Residente).

Il certificato potrà pertanto essere richiesto al Comune in Italia presso la cui AIRE il connazionale risulti essere iscritto.

 

Si informa che la legge n. 183 del 12 novembre 2011 all’art.15 consente una completa decertificazione nei rapporti fra Pubblica Amministrazione e privati.
Pertanto dal 1° gennaio 2012 le certificazioni rilasciate dalle Pubbliche Amministrazioni (quindi anche da questa Ambasciata) sono valide ed utilizzabili solo nel rapporto fra privati.
Nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione ed i gestori di pubblici servizi, i certificati (quindi anche quello di residenza) sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive (autocertificazioni) o dall’atto di notorietà.
Le Amministrazioni Pubbliche non potranno più chiedere o accettare i certificati.
Nel caso in cui un privato chieda il rilascio di un certificato da consegnare ad altro privato residente all'estero o ad un'Amministrazione di un Paese diverso dall'Italia, anche questo certificato dovrà essere richiesto al Comune presso la cui AIRE il connazionale risulta essere iscritto, ed è valido solo per l'estero.

Si ricorda che le autocertificazioni NON vengono accettate come prova di residenza per la richiesta di iscrizione in Aire (DL 223/2012).

 

Come faccio a sapere se la mia richiesta di iscrizione in AIRE o il mio cambio di indirizzo sono stati registrati?

La conferma di avvenuta iscrizione in Aire deve essere richiesta esclusivamente al Comune in Italia e NON a questa Ambasciata. Qualsiasi informazione inerente l'effettivo aggiornamento nei registri AIRE dovrà essere posta esclusivamente al Comune di appartenenza in Italia, in quanto titolato all'effettivo aggiornamento in Aire e NON a questa Ambasciata d'Italia a Brasilia.

 

COME CONTATTARE L'UFFICIO AIRE

L'orario di ricezione delle telefonate è: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 12.00 alle ore 13.00 al numero telefonico: +55 61 3442 9900.

Qualora si desideri inviare un messaggio di posta elettronica all'Ufficio AIRE, contattare: brasilia.anagrafe@esteri.it

 

Si prega di scrivere sempre e SOLO agli uffici di competenza e di non inoltrare la stessa comunicazione a più uffici.

Stante l'ingente numero di richieste, verrà dato riscontro alle risposte di quesiti di particolare trattazione, che non trovino già riscontro su questo sito internet.

 


76